15 Aprile 2021

Il Covid-19 e Le Economie Mondiali

Alcuni leader europei sono stati accusati di approfittare di una crisi di salute pubblica per reprimere il dissenso e rafforzare il loro potere.

Mentre la Turchia arresta centinaia di posti per i social media e i russi sono minacciati di prigione per qualsiasi cosa considerata falsa notizia, si teme che la democrazia venga messa a repentaglio in Polonia e che sia stata spazzata via in Ungheria.

Il potente primo ministro ungherese Viktor Orban è accusato in patria e all’estero di usare la crisi del coronavirus per prendere ancora più potere, invece di unire il paese.I critici parlano della fine della democrazia ungherese, ma il ministro della giustizia insiste che la “legge sull’autorizzazione” scadrà alla fine dell’emergenza ed è stata necessaria e proporzionata.

Il prof. Zoltan Szente, esperto di diritto costituzionale, avverte che la pandemia potrebbe essere facilmente utilizzata per mantenere i poteri straordinari del governo.

Poiché è il potere esclusivo del governo di decidere quando porre fine allo stato di pericolo, afferma che il parlamento si è effettivamente “suicidato” rinunciando al suo diritto di controllo sul governo.

In teoria ci sono ancora tre controlli sul potere di Viktor Orban:

Il Parlamento rimane in seduta a meno che la pandemia non lo fermi

La Corte costituzionale funziona ancora

Le elezioni politiche si svolgono nel 2022.

Turchia: “Momento di opportunità” per Erdogan

Il leader combattivo della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, non ha bisogno di usare l’epidemia di coronavirus per usurpare il potere perché ne ha già tanto. Questa è l’opinione degli attivisti per i diritti umani qui.

“Esiste un sistema così centralizzato che non è necessario disporre di un ulteriore potere”, afferma Emma Sinclair-Webb, direttore della Turchia per Human Rights Watch.

Tuttavia, afferma che c’è stato un tentativo opportunistico di “testare l’acqua” con proposte per aumentare il controllo sulle società di social media. Sono stati “sepolti in profondità” in un disegno di legge che trattava principalmente di misure economiche per attutire l’impatto del virus.La polizia ha comminato multe alle persone che hanno trovato violazioni del coprifuoco durante il blocco Il governo turco è determinato a controllare la narrazione durante la crisi. Centinaia di persone sono state arrestate per “post provocatori” su Covid-19 sui social media. Pochi dottori hanno osato parlare. “Nascondere i fatti e creare un monopolio delle informazioni sfortunatamente è diventato il modo in cui questo paese viene governato”, afferma Ali Cerkezoglu dell’Associazione medica turca. “Medici, infermieri e operatori sanitari si sono abituati negli ultimi 20 anni.”

//usounoul.com/4/3233544