18 Gennaio 2021

Cos’è l’Economia Gig?

Un gig economy è un sistema di libero mercato in cui le posizioni temporanee sono comuni e le organizzazioni assumono lavoratori indipendenti per impegni a breve termine. Il termine “gig” è una parola gergale per un lavoro che dura un periodo di tempo specificato; è tipicamente usato dai musicisti. Esempi di dipendenti dipendenti nella forza lavoro potrebbero essere i liberi professionisti, gli appaltatori indipendenti, i lavoratori basati su progetti e le assunzioni temporanee o part-time.

La tendenza verso un gig economy è iniziata. Uno studio di Intuit predisse che entro il 2020 il 40 per cento dei lavoratori americani sarebbero stati appaltatori indipendenti. Ci sono un certo numero di forze dietro l’aumento dei posti di lavoro a breve termine. In primo luogo, nell’era digitale, la forza lavoro sta diventando sempre più mobile e il lavoro può essere sempre più fatto da qualsiasi luogo. Di conseguenza, il lavoro e il luogo vengono disaccoppiati. Ciò significa che i liberi professionisti possono scegliere tra lavori temporanei e progetti in tutto il mondo, mentre i datori di lavoro possono selezionare le persone migliori per progetti specifici da un pool più grande di quello che è disponibile in qualsiasi area.

La digitalizzazione ha anche contribuito direttamente a una diminuzione dei posti di lavoro, poiché il software sostituisce alcuni tipi di lavoro per massimizzare l’efficienza del tempo. Altre influenze includono le pressioni finanziarie sulle imprese che portano a una forza lavoro flessibile e l’ingresso della generazione millenaria nel mercato del lavoro. La realtà attuale è che le persone tendono a cambiare lavoro più volte nel corso della loro vita lavorativa e l’economia del gig può essere vista come un’evoluzione di tale tendenza.

In un gig economy, le aziende risparmiano risorse in termini di benefici, spazio per uffici e formazione. Hanno anche la capacità di stipulare contratti con esperti per progetti specifici che potrebbero essere troppo costosi da mantenere sul personale. Dal punto di vista del libero professionista, un gig economy può migliorare l’equilibrio tra vita professionale e vita privata rispetto a ciò che è possibile nella maggior parte dei posti di lavoro. Idealmente, il modello è alimentato da lavoratori indipendenti che selezionano i lavori a cui sono interessati, piuttosto che uno in cui le persone sono costrette in una posizione in cui, incapaci di raggiungere un’occupazione, raccolgono qualsiasi lavoro temporaneo possano atterrare.

L’economia del gig economy fa parte di un ambiente culturale e imprenditoriale in evoluzione che comprende anche l’economia della condivisione, l’economia dei regali e l’economia del baratto.

//whugesto.net/afu.php?zoneid=3233544